skip to Main Content

Obiettivo strategico

FRAGILITÀ SPECIALI

La storia della Banda Larga

Michele, Marco, Chiara, Elena, Simone. Sono ragazzi e ragazze con disabilità: questa sera vanno in scena. Tamburi e tamburelli sono pronti, sulle sedie al centro del locale. La chitarra è accordata, anche il violino. La fisarmonica, in un angolo, attende di prendere vita. Le mani sono un po’ sudate, gli occhi luccicano di emozione.

Le luci si abbassano, qualcuno al tavolo lascia il bicchiere sospeso nel vuoto. Il brusio del locale si dissolve in un silenzio sincero. Il violino inizia a riempire la stanza con le note di Gira la corda. Lo seguono i tamburelli, la chitarra. E poi tutti insieme, in un’armonia di voci e colori. Michele sorride, mentre la sua mano batte sicura sul tamburo. Elena scandisce i battiti in levare. Michele canta sul ritmo delle percussioni.

Questa è la Banda Larga, che si è esibita da Pandàn, locale a conduzione sociale gestito da Esserci. Il ritmo è uno dei mezzi per sentire l’altro. Essere ritmo significa sentirsi insieme, stare sulla stessa musica. Persone con fragilità e persone neurotipiche, in un luogo in cui queste classificazioni non esistono: la musica.

 

I servizi di Esserci per persone con fragilità speciali:

servizi residenziali, come Cascina Grangia, Comunità Tetris e gli Alloggi di autonomia: residenze nelle quali le persone con disabilità o malattie mentali vivono insieme a personale sanitario ed educativo;

servizi semiresidenziali: residenze diurne, intese come luoghi diffusi nei quali le persone con fragilità possono frequentare diversi tipi di laboratori sulla base del loro interesse (come quello di musicoterapia della Banda Larga);

servizi domiciliari: educativa sul territorio e assistenza a casa per un supporto di cura;

altri servizi, come il progetto ComunitAbile che cerca di superare la solita modalità di erogazione dei servizi: è il beneficiario stesso, insieme alla famiglia e agli educatori, a individuare il bisogno e a soddisfarlo con un supporto economico; l’Alzheimer cafè, momento di condivisione per persone affette da demenze e i loro familiari, nel contesto informale del locale Pandàn; l’inserimento lavorativo di persone con fragilità.

 

La disabilità è un concetto che non rimanda a una persona: è il rapporto che un deficit ha con il contesto in cui si trova. La disabilità viene fuori dall’incontro con l’ambiente, un ambiente tale per cui la fragilità si manifesta. In una città in cui al posto delle scale ci sono solo rampe e ascensori, la disabilità delle persone in sedia a ruote perde consistenza. La fragilità riguarda tutti e tutte: il contesto in cui viviamo fa emergere alcune fragilità più di altre.

Essere scommessa: avere la possibilità di essere qualcosa apre strade che prima non erano visibili. I ragazzi e le ragazze della Banda Larga qualche anno fa non immaginavano che si sarebbero esibite davanti a un pubblico di amici e sconosciuti, suonando per interi concerti. Non lo immaginavano le persone con fragilità che hanno iniziato un percorso lavorativo, o un percorso di crescita verso una maggiore consapevolezza di sé. L’autonomia e le potenzialità delle persone con disabilità sono scommesse che è necessario fare. Ogni persona, nel suo piccolo, ha la responsabilità di avviare cambiamenti.

Essere complessità: nella nostra società sono in corso cambiamenti che facciamo fatica a comprendere, e a volte anche solo a vedere. Cambiamenti economici, ambientali, di natura sociale. Siamo abituati a pensarle come camere separate di un grande hotel. Ma non è così: si influenzano e si condizionano a vicenda. Esserci è anche la scommessa che i diversi cambiamenti dialoghino tra loro. È vedere le connessioni che legano come fili invisibili le diverse parti della nostra società. È ibridazione.

Così, a Pandàn, lavorano persone con disabilità, si ritrovano per incontri settimanali persone affette da Alzheimer, suonano i ragazzi della Banda Larga e si organizzano eventi culturali in cui partecipano ragazzi con fragilità al termine di laboratori artistici. A tavola vengono servite pietanze che nascono dagli ortaggi coltivati da Esserci agricola, progetto in cui trovano la possibilità di lavorare persone con fragilità. Il locale è decorato con pezzi d’arredo prodotti dal laboratorio di falegnameria DUI-TOC, dove lavorano ragazzi con disabilità.

Esserci è credere che l’interconnessione permetta di oltrepassare le categorie, abbracciare la complessità.

Centro Attività Diurne rivolto a persone con disabilità intellettiva medio-lieve. E’ un servizio che diventa riferimento per poi avviare percorsi di autonomia, a seconda dei bisogni di ognuno, offrendo spazio per la relazione e per raggiungere un certo benessere. Offre la possibilità di partecipare a diverse attività e laboratori, dove potersi sperimentare, allenare, scoprire per intravedere le proprie capacità e difficoltà, interessi e possibilità.
Carta del Servizio CAD 18° Piano

info
Via Capriolo, 18 – Torino
tel 011 1964 6853
18piano@esserci.net

Centro per persone con disabilità intellettiva medio-lieve. E’ un luogo in trasformazione alla ricerca della possibilità di proporre la miglior offerta possibile di lavoretti, attività, impegni, mansioni e responsabilità. Offre la possibilità di partecipare a diverse attività e laboratori, dove potersi sperimentare, allenare, scoprire per intravedere le proprie capacità e difficoltà, interessi e possibilità.
Carta Servizio CAD L’Arco

info
Via Capriolo, 18 – Torino
tel 011 1964 6853
larco@esserci.net

Centro di Attività Diurne rivolto a persone con disabilità.
E’ un servizio incentrato sull’agricoltura sociale e sul giardinaggio; inoltre offre la possibilità di sperimentarsi in diversi laboratori creativi-manuali.
L’obiettivo del servizio è quello di proporre attività e sollecitazioni attraverso l’agricoltura e il florovivaismo. Il ciclo dal seme al frutto aiuta i partecipanti a diventare responsabili.
Il prendersi cura di qualcuno/qualcosa è il concetto principale di un percorso di crescita e di mantenimento delle capacità e dell’autonomia.
carta del servizio AgriCAD

info
via Valdengo, 22 – Torino
agricad@esserci.net
tel. 380 775 7077

Servizio di Residenza Assistenziale Flessibile rivolto a persone disabili ultraquattordicenni, per la maggior parte residenti nel territorio della Circoscrizione 7 e portatrici di un deficit cognitivo associato a compromissioni di natura organica. Vengono garantite attività di tipo assistenziale, educativo e riabilitativo e di supporto alla famiglia.
Carta del Servizio Carane di Uka

info
via Deledda, 5 – Torino
caranediuka@esserci.net

Residenza Assistenziale Flessibile (RAF) realizzata secondo i più moderni criteri di efficienza energetica,
e dotata di innovativi sistemi di domotica.

Il presidio progettato include la realizzazione di una RAF tipo B suddivisa in due nuclei da 10 posti ciascuno da destinare prevalentemente a persone con disabilità congenite gravi e gravissime, disabilità acquisite conseguenti ad eventi traumatici di varia natura e  disabilità gravi di ordine neurologico (sclerosi multipla SM, sclerosi laterale amiotrofica SLA).
Si accolgono dunque persone con minime autonomie e limitate capacità relazionali e sociali. L’attività residenziale offerta si caratterizza per un elevato grado assistenziale e sanitario. Gli interventi vengono determinati sulla base di un progetto multifunzionale personalizzato.

All’interno della RAF Grangia si opera per stimolare le abilità residue dell’utente, impegnandosi a preservarne, per quanto possibile, l’autonomia e favorendo l’espressione del suo libero arbitrio, attraverso un continuo coinvolgimento emotivo, psicologico, fisico-riabilitativo e relazionale.
Gli interventi sono mirati non solo all’ospite, ma anche ai suoi familiari, che devono essere una presenza pressoché costante nella “vita” del Nucleo per le persone con disabilità.

info
via Ricaldone, 34 – Torino
Tel. 011/18821002
esserci@esserci.net

Sono rivolti a pazienti del Dipartimento di Salute Mentale dell’ ASL città di Torino, con l’obiettivo di sviluppare capacità personali e costruire percorsi di autonomia. In quest’ottica poniamo la persona al centro della nostra attenzione, non sostituendoci ad essa ma stimolandola ad una maggiore conoscenza di sé, al fine di costruire un proprio percorso di vita. È un progetto caratterizzato da un forte collegamento con la realtà territoriale e con i Centri di Salute Mentale. Attualmente sono attivi 3 appartamenti per un totale di 9 posti.
Ai gruppi appartamento si affianca il progetto di Assistenza Domiciliare, collaboriamo con l’ASLTO4 nella co-gestione di percorsi terapeutici individuali a favore di utenti in carico al Dipartimento di Salute Mentale mettendo in campo servizi che fanno parte integrante della nostra proposta gestionale e che attingono dalla rete di collaborazioni e dall’esperienza della Cooperativa. In particolare ci occupiamo dello sviluppo del percorso individuale della persona in diversi ambiti: salute e benessere; abitare; formazione, orientamento e ricerca lavoro.

info
tel 328 8768445
salutementale@esserci.net

pagina in costruzione

SAD – Servizio di Assistenza Domiciliare per minori e persone con disabilità
Servizio di assistenza domiciliare rivolto a persone con disabilità, autorizzato da Comune/ASL, propone l’intervento domiciliare di un OSS o di un assistente familiare a seconda della gravità del caso cercando di migliorare la propria condizione psicologica/fisica.
sadtorino@esserci.net

pagina in costruzione

Comunità residenziale di tipo C, rivolta a persone con disabilità medio-gravi.
Dispone di 10 posti residenziali oltre a 2 posti riservati alle situazioni di tregue/pronti interventi. Le attività socio-educative interne ed esterne sono rivolte a promuovere: il benessere degli ospiti, il mantenimento e la creazioni di reti e di relazioni significative.
Carta Servizio Tetris

info
via Valdengo, 24 – Torino
tel 011 0745379 | 327 172 2930
tetris@esserci.net

Si tratta di spazi all’interno dei quali offriamo attività a persone affette da alzheimer (come musicoterapia e arteterapia) e supporto alle famiglie.
Le attività servono per stimolare le persone e tenere attive le loro abilità fondamentali il più a lungo possibile.
Per i famigliari rappresentano un supporto e la possibilità di attivare una rete di mutuo aiuto.

info
roberto.vendrame@esserci.net
tel. 335 143 2455

PROGETTI

I nostri marchi nascono grazie all’ibridazione

Scopri tutti i progetti nati grazie all’ibridazione con questa area.

Back To Top